FAQ | CHI? COME? DOVE? QUANDO?

1. CHI È REMUNERO? 

Remunero è una start up innovativa impegnata in progetti di sviluppo economico per il miglioramento della qualità ambientale del territorio.

2. COSA FA REMUNERO? 

Remunero, introducendo la premialità come strumento di incentivazione, contribuisce in modo concreto a evitare che i rifiuti vengano gettati per strada o non siano conferiti correttamente e all’emersione dell’evasione TARI, in quanto restituita integralmente.

3. CHE COSA È SMART & GREEN REWARD?

È una piattaforma green che prevede progetti per il miglioramento della qualità del territorio, l’utilizzo condiviso delle energie rinnovabili e lo sviluppo del turismo connesso a standard di ecosostenibilità.

4. CHE COSA È IL PROGETTO TARI INDIETRO TUTTA?

Remunero introduce la premialità come strumento di incentivazione attraverso la restituzione del 100% dell’equivalente del tributo TARI a cittadini e imprese.

5. COSA DEVONO FARE I CITTADINI E LE IMPRESE DEL TERRITORIO PER 

OTTENERE LA PREMIALITÀ?

Per ottenere la restituzione della TARI si devono rispettare tre parametri: 

• aver pagato la TARI

• conferire correttamente i rifiuti secondo le indicazioni fornite dal Comune

• non ricevere sanzioni per comportamenti connessi a reati ambientali

6. COSA FA IL COMUNE?

Il Comune sottoscrive un protocollo di intesa, concedendo a Remunero il Patrocinio per l’avvio del progetto sul proprio territorio e trasferisce i dati dei contribuenti TARI, necessari per l’apertura dei conti sui quali verrà accreditato l’equivalente del tributo pagato l’anno precedente, rispettando la normativa sulla privacy. Il protocollo prevede che i Comuni si adeguino alle normative indicate dall’Unione Europea in materia di riduzione di RSU conferiti in discarica o termovalorizzatori e delle emissioni di CO2.

7. COME VIENE RESTITUITA LA TARI?

L’importo precaricato sulla Remunero Card viene sbloccato di ¼ ogni trimestre ed è spendibile presso tutte le attività del Comune che rispettano i parametri, previo pagamento delle commissioni di transazione.

8. CHI ATTIVA IL SERVIZIO? 

Una volta ricevuta la Remunero Card, l’utente potrà scaricare l’applicazione dallo store del proprio sistema operativo, Android o Apple. Tutte le indicazioni verranno fornite con l’invio della Remunero Card.

9. C’È UNA SCADENZA PER ATTIVARE IL CONTO? 

Sì, tre mesi dal ricevimento della Remunero Card. 

10. IN QUANTO TEMPO VIENE ATTIVATO IL SERVIZIO?

L’attivazione per l’uso della Remunero Card è immediatamente successiva al completamento della registrazione. 

11. QUANTO DURA IL PROGETTO REMUNERO?

Il progetto che consente la restituzione dell’equivalente della TARI pagata ha una durata di 5 anni.  

12.  LA SPENDIBILITÀ HA UNA SCANDENZA?

No, non è prevista alcuna scadenza. I conti e i relativi saldi restano attivi a tempo indeterminato.

13. QUANTO COSTA IL SERVIZIO? 

Per poter utilizzare l’importo a credito della Remunero Card si pagano le sole commissioni di transazione, che ammontano al 3,5%. Non ci sono canoni da sostenere o costi nascosti di nessun altro genere.

14. COME POSSO SPENDERE IL MIO CREDITO? 

Ogni volta che si effettua un acquisto si può utilizzare il conto Remunero per un importo massimo pari al 30% del valore della spesa effettuata (esempio: se spendo 100 posso pagarne massimo 30 con il conto Remunero e il restante con i normali sistemi di pagamento, ovvero contanti, bancomat e carte). 

15. LA REMUNERO CARD È NOMINATIVA? 

Sì. La Remunero Card viene attivata una per ogni utente TARI, sia per i Cittadini e sia per le Imprese del territorio. Nel caso si vogliano aprire più conti all’interno della famiglia o dell’impresa sarà sufficiente farne richiesta attraverso l’applicazione. 

16. LA REMUNERO CARD PUÒ ESSERE UTILIZZATA DA TUTTA LA FAMIGLIA O SOLO DAL TITOLARE?

La Remunero Card può essere utilizzata da tutti i componenti della famiglia, purché muniti delle credenziali necessarie.

17. DOVE POSSO UTILIZZARE IL CONTO REMUNERO? 

Presso tutte le partite IVA del territorio, in regola con i parametri necessari per l’apertura del conto, le quali abbiano deciso di fregiarsi del marchio Green a favore del territorio.

18. CHE COSA È IL MARCHIO GREEN?

Il marchio GREEN viene assegnato da Remunero alle Istituzioni e alle Imprese locali che si fanno promotrici di “best practice” per la tutela dell’ambiente nel proprio territorio. Come funziona? Remunero valuta le politiche adottate dalle Amministrazioni e dalle Imprese e assegna il riconoscimento.

19. POSSO TRASFERIRE IL MIO CREDITO AD ALTRI?

Gli importi a credito sul proprio conto Remunero possono essere trasferiti a qualsiasi soggetto titolare di un conto Remunero e residente nello stesso territorio.

20. POSSO SPENDERE IL MIO CREDITO FUORI DAL TERRITORIO COMUNALE? Di norma no: il credito può essere speso all’interno del Comune o della macroarea dei Comuni che hanno sottoscritto la stessa convenzione. Ciò al fine di incrementare l’economia e sviluppare le produzioni del territorio. La app, difatti, inibisce il funzionamento della Remunero Card al di fuori del territorio. Tuttavia, a questa norma possono esservi delle eccezioni, in base ad accordi specifici.

21. SONO UN TITOLARE DI PARTITA IVA, COME ADERISCO AL SERVIZIO? 

In qualità di utente TARI, il Comune presso il quale è ubicata l’attività le assegnerà la Remunero Card e successivamente Remunero provvederà ad attivarle il conto.

22. COME DEVO COMPORTARMI SE UN UTENTE FA ACQUISTI PRESSO LA MIA ATTIVITÀ?

Si emette un normale documento di vendita e viene applicato uno sconto variabile tra 1% e 30%, sul totale o solo su alcune categorie di prodotti/servizi, al fine di ridurre la base imponibile. L’equivalente dello sconto effettuato viene pagato con il conto Remunero. L’importo ricevuto va a credito sul conto Remunero del ricevente e può essere speso con le stesse modalità.

23. SE EMETTO IL DOCUMENTO DI VENDITA CON UNO SCONTO DEL 30% CI RIMETTO? 

No. Lo sconto viene monetizzato sulla Remunero Card e riduce la base imponibile. 

24. SERVE UN POS DEDICATO? 

L’applicazione è dotata della funzione POS. Per incassare, l’esercente dovrà utilizzare questa modalità.

25. ESISTE EVIDENZA NORMATIVA PER IL REGIME DI “DEFISCALIZZAZIONE" DEL 30% PER LE AZIENDE CON PARTITA IVA?

Certamente, visto l’adeguamento del protocollo Remunero alle norme esistenti. Tutto il materiale inerente la fiscalità fa parte del contratto sottoscritto dagli utilizzatori.

26. COME POSSO CONSULTARE IL MIO CREDITO RESIDUO? 

È possibile visualizzare i movimenti e il saldo nell’App Remunero da installare sul proprio smartphone.

27. QUAL È LA FONTE DI GUADAGNO PER REMUNERO?

Gli importi emessi vengono recuperati attraverso le commissioni di transazione, proprie di un qualunque circuito di moneta elettronica (Visa, MasterCard, Amex, ecc), secondo un modello di economia circolare. 

28. CAMBIA LA SOCIETÀ ABITUALE DEPUTATA ALLA RACCOLTA DEI RIFUTI? 

No, il Comune continuerà con la normale gestione del servizio per la raccolta dei rifiuti, salvo variazioni decise dal Comune stesso. 

29. A CHI È ADDEBITATO L’ACQUISTO E A CHI COMPETE LA MANUTENZIONE DELLE ISOLE DI RACCOLTA TECNOLOGICAMENTE AVANZATE (IRTA)? 

Le isole di raccolta vengono fornite da Remunero in comodato d’uso gratuito alle amministrazioni comunali, manutenzione inclusa. Gli unici costi che il Comune dovrà sostenere saranno quelli relativi agli allacci energetici, alla stipula di un contratto di assicurazione contro gli atti vandalici, incendio, eventi atmosferici e danneggiamento, ai costi di trasporto e consegna e dell’area idonea al posizionamento delle isole di raccolta, a fronte di un risparmio nei costi di raccolta differenziata tradizionale variabile tra il 40 e il 60%.

30. REMUNERO SI OCCUPA DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE DI RACCOLTA O GESTIONE RIFIUTI? 

Remunero non si occupa della raccolta dei rifiuti, né direttamente né indirettamente. 

31. COSA SUCCEDE IN CASO DI INFRAZIONI AMBIENTALI? 

Se si ricevono multe o altre sanzioni connesse a reati ambientali (esempio: abbandono dei rifiuti) viene sospeso il conto per un mese, per tre mesi la seconda volta, per sei mesi la terza, revocato dalla quarta infrazione. 

32. IL COMUNE HA DEI COSTI? E AUMENTERÀ LE TASSE PER SOSTENERE L’INIZIATIVA? 

Il Comune non sostiene alcun costo, il servizio è gratuito, quindi non incide sul calcolo della TARI.